MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 24 giugno 2002

Definizione  degli  elenchi  con  cui vengono individuati i codici di bilancio  stabiliti  dall'art.  3  del  decreto  del Presidente della Repubblica 31 gennaio 1996, n. 194, e la descrizione e la numerazione delle voci economiche per le province, i comuni, le unioni di comuni, le citta' metropolitane e per le comunita' montane.

 

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

di concerto con

IL CAPO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI

E TERRITORIALI DEL MINISTERO DELL'INTERNO

 

Visto  l'art. 160 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, concernente  il  testo  unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali;

Visto  l'art.  3  del  decreto  del  Presidente  della Repubblica 31 gennaio  1996,  n. 194, concernente il regolamento di approvazione dei  modelli  di  cui  all'art. 160 del decreto legisiativo 18 agosto 2000,  n. 267, che stabilisce la struttura del sistema di codifica di bilancio;

Visto  l'art.  4,  comma 1,  del  decreto  del  Presidente  della Repubblica  31 gennaio  1996, n. 194, che demanda la definizione e la numerazione  delle  voci  economiche ad apposito decreto del Ministro del  tesoro (ora Ministro dell'economia e delle finanze), di concerto con il Ministro dell'interno;

Visto  il  precedente decreto del Ministro del tesoro di concerto con  il  Ministro  dell'interno  del  24 luglio 1996 con cui e' stato definito il sistema di codifica dei titoli di entrata e di spesa;

Ravvisata  la necessita' di provvedere all'emanazione di un nuovo decreto in cui siano evidenziate ulteriori voci economiche necessarie alle esigenze conoscitive in termini di contabilita' nazionale;

Visto l'art. 4 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, che stabilisce    la   separazione   tra   le   funzioni   di   indirizzo politico-amministrativo   spettanti  agli  organi  di  governo  e  le funzioni gestionali-amministrative spettanti ai dirigenti;

Considerato che oggetto del presente decreto e' 1'approvazione di aspetti  puramente  gestionali  dei  bilanci degli enti locali, quali l'individuazione  delle voci economiche e la loro codificazione sulle reversali e sui mandati;

Ritenuto,  pertanto,  che  il  presente decreto, rientrando nella sfera  demandata  all'autonomia della dirigenza, possa essere firmato dal  ragioniere  generale dello Stato e dal capo Dipartimento per gli affari interni e territoriali del Ministero dell'interno;

Decreta:

Articolo unico

1.  Ai  fini della definizione del sistema di codifica dei titoli contabili  di entrata e di spesa, cosi' come previsto dall'art. 4 del decreto del Presidente della Repubblica 31 gennaio 1996, n. 194, sono approvati  gli  allegati  elenchi A,  per  province,  comuni,  citta' metropolitane  e  unioni di comuni, e B, per comunita' montane, con i quali  vengono individuati i codici di bilancio stabiliti dall'art. 3 del  citato  decreto del Presidente della Repubblica 31 gennaio 1996, n. 194, e vengono definite la descrizione e la numerazione delle voci economiche.

2.  II sistema di codifica di cui al presente decreto entrera' in vigore  con  riferimento  al  bilancio  di  previsione dell'esercizio finanziario 2003 degli enti di cui al comma 1.

3.  II presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 24 giugno 2002

II ragioniere generale dello Stato

                                                                                    Monorchio

Il capo del Dipartimento per gli affari

    Interni e territoriali del

   Ministero dell’Interno

          Malinconico