I delegati di lista designano i rappresentanti di lista per ogni sezione e per l'ufficio centrale e la firma dei delegati deve essere autenticata con le modalitÓ di cui al secondo comma dell'art. 21 del D. P. R. 28 dicembre 2000, n. 445.

Le designazioni dei rappresentanti di lista non sono obbligatorie, perchŔ avvengono nell'interesse della lista rappresentata e del candidato a sindaco ad essa collegato.

I rappresentanti di lista non fanno parte integrante dei seggi e dell'ufficio centrale, ma vigilano per la tutela degli interessi delle rispettive liste contro irregolaritÓ delle operazioni elettorali.

Le designazioni devono essere fatte in unico atto per due rappresentanti, uno effettivo e l'altro supplente; ci˛ al fine di assicurare la continuitÓ nell'esercizio della funzione ad essi demandata.

Esse vanno redatte in tanti atti separati quanti sono gli uffici presso i quali i delegati ritengono di designare i rappresentanti.

Le designazioni potranno essere comunicate, entro le ore 16.00 del sabato precedente l'elezione, al segretario del Comune, che ne curerÓ la trasmissione ai presidenti delle sezioni elettorali, ovvero direttamente ai singoli presidenti, la stessa mattina del primo giorno di votazione, purchŔ prima dell'inizio della votazione stessa.

Analogamente, le designazioni dei rappresentanti di lista presso l'ufficio centrale potranno essere presentate al presidente prima dell'inizio delle operazioni di competenza dell'ufficio stesso.

La legge regionale non contiene alcun cenno circa il possesso dei requisiti dei rappresentanti di lista, per˛ si ritiene che essi debbano essere elettori del Comune, come peraltro previsto dal secondo comma dell'art. 16 della L. n. 53/90, e che non possano essere candidati.

Un delegato pu˛ designare se stesso quale rappresentante di lista.